Francesca Reitano

Biografia

Fotografia di Francesca Reitano

Nasce a Pavia, dove si laurea in Giurisprudenza, ma la sua indole creativa la porta a studiare e a sperimentare come autodidatta diverse tecniche e materiali.

Nel 1996 frequenta un corso di ceramica Raku presso la bottega di Claudio Ramaioli.

Nel 2004 si perfeziona nella tecnica del tornio seguendo il laboratorio La terra e il fuoco di Giovanna Bellini.

Affascinata dalla magia della cottura Raku inizia la sua formazione tecnica frequentando maestri d’arte ceramica, nella costante ricerca di tecniche, improvvisazioni e messaggi: tecnica e sperimentazione non necessariamente rivolte a scopi di immediata utilità per creare oggetti funzionali ma intesa come mezzo espressivo per lasciare l’impronta della propria personalità nell’argilla, per spiegare senza parole qualcosa sull’emozione e sulla profonda gioia che si può provare semplicemente nell’adoperare le mani per modellare della terra e suggerire attraverso un gesto istintivo una forma alla materia.

Nel 2007 si trasferisce nella campagna francese, a Lamenay sur Loire, nel sud della Borgogna dove attualmente vive e lavora.

La ceramica raku


Terra, materia antichissima, semplice e complessa ma così vicina all’uomo da racchiudere in essa la storia.

L’arte non può esistere senza consapevolezza, conoscenza e controllo sulla materia: e il valore della materia nasce quasi sempre dalla novità di una forma, nasce dal divenire della materia stessa. E l’essere umano, come parte di una realtà in continuo divenire è inevitabilmente coinvolto in questa trasformazione.

Dare forma alla terra e mostrare nell’oggetto immobile la forza e la plasticità che esso nasconde è riconoscere che la realtà è in continuo divenire. Nei monili e nei piccoli accessori decorativi mi interessa utilizzare i colori, gli accostamenti e le proprietà per cui lo stesso colore diventa un mezzo di espressione di chi li indossa. Il valore estetico di queste oggetti è ottenuto con un’assoluta povertà di materiale: la terra. E creare un oggetto in ceramica significa per me collaborare con al Terra.

Ogni persona ha diversi scopi e ideali, ciascuno secondo la propria personalità e formazione. La scelta della ceramica è per me, oggi, in se stessa qualcosa di controcorrente rispetto a linguaggi comunicativi sempre più complessi e veloci. Proprio per questo vedo il mio approccio alla ceramica come configurazione di un vero e proprio progetto di vita che ha avuto la sua origine nel mio incontro con Reiki come via di crescita personale.

Fotografia di Francesca Reitano